Proloco Montecatini Alto | Nel cuore della Toscana

Fulvio Lenzi è nato a Montecatini Alto. Qui, dove ha incontrato la genuina semplicità dei rapporti umani, è sempre vissuto e in questo antico e speciale ambiente ha potuto sviluppare al meglio le sue passioni e i suoi interessi che ne hanno fatto una persona speciale. Crediamo che tra questi il primo posto sia occupato dall’amore profondo per la natura. Ma certamente subito dopo e, forse proprio per diretta conseguenza, dobbiamo rilevare un amore profondo per la ricerca e per lo studio delle tradizioni e degli usi locali. Potendo acquistare un locale che è stato da sempre un emblema della storia paesana nelle varie epoche e nelle altrettanto varie destinazioni, ne ha fatto un luogo di lavoro dove si respira un’aria particolare, dove vien voglia di approfondire la memoria storica e dove Fulvio, con il suo lavoro, attraverso il cibo, può diffondere le sue conoscenze profondamente legate ai luoghi, alle stagioni, agli affetti, alle fatiche umane, al sapere atavico. Non solo ristorante o formidabile schiacciateria. Restaurato sapientemente mantenendo la presenza forte di un bellissimo palco in tavolato (in passato era Teatro dei Risorti), qui si respira un’aria di creatività e qui, infatti, è possibile mangiare e, come si faceva in altra epoca, assistere a varie forme espressive di comunicazione dal teatro alla musica al ballo.

Fulvio LenziFulvio, insieme a pochi altri, rappresenta la memoria storica di Montecatini Alto. Come lui stesso si definisce “appassionato di cultura popolare” ha appuntato sistematicamente nomi, fatti, circostanze, eventi grandi e piccoli, aneddoti, storie, racconti, quanto riferito oralmente perché, come diceva don Tito Paponi, quanto riferito oralmente, la credenza territoriale diffusa, se non fissato si perde sempre. Le sue ricerche l’hanno visto protagonista di alcuni tra gli eventi più importanti del paese, tra questi va senz’altro segnalato il contributo fondamentale nella realizzazione della mostra fotografica “Arriva la funicolare” e relativo catalogo in occasione del centenario della costruzione dei rossi vagoni.

Un piccolo ma interessantissimo volumetto, che la Pro Loco ha pubblicato nel 2004 in occasione dell’allestimento di una cena storica sotto le Logge di piazza Giusti, intitolato “Cena del Rinascimento… Montecatini dopo l’assedio del 1554” è la trascrizione critica delle sue conoscenze storiche sul cibo, o meglio sui “magiari” e intorno agli usi inerenti questa nostra terra di Valdinievole.

Nel 2011 ha pubblicato “La Partita” un delizioso racconto-resoconto della vita soprattutto sportiva dei ragazzi di varie età in quella Montecatini Alto degli anni ’60. E’ stata l’occasione per i protagonisti, certo molto più significativa e originale delle solite rimpatriate, di ritrovarsi convivialmente dopo cinquant’anni.

Nel febbraio di quest’anno, infine, ha pubblicato un bellissimo libro dal titolo “Il sale della terra” dove la narrazione si snoda con colta semplicità privilegiando, come lui stesso dice, la “vugata montecatinese”, in un intreccio di eventi non solo locali e sentimenti di tale intensità da commuovere profondamente anche il lettore che non ha conosciuto personalmente i protagonisti e, soprattutto il vero personaggio a cui giustamente è dedicato il libro don Tito Modesto Paponi ultimo di una famiglia di Parroci che hanno retto la Parrocchia di Montecatini Alto per più di cento anni.

Da questo succinto profilo ed elenco di opere emerge una figura di concittadino che sicuramente merita un riconoscimento particolare. Con stima, gratitudine e affetto la Pro Loco gli dedica il riconoscimento di “Personaggio dell’anno”.

Copyright © 2018 Proloco Montecatini Alto
Piazza Campioni · 2 · Montecatini Terme · Toscana · 51016 · Italia  | Map